S. TECLA: LA LOTTA NON SI ARRESTA!

Este -

 

 

La Fondazione Santa Tecla di Este, un Ente controllato  dalla Curia di Padova con  il suo presidente don Cagol  ed ironicamente  delegato vescovile alla Pastorale per il Lavoro, lo scorso 23 dicembre ha licenziato più di 50 lavoratrici (Operatrici Socio Sanitarie).

 La maggior parte, di queste lavoratrici, era quella con più esperienza, entrate in servizio  nella casa di Cura per Anziani  con un concorso pubblico, quando questa era ancora un IPAB.

Parliamo di lavoratrici con professionalità che svolgono la loro prestazione a favore degli  anziani ,  che invece di essere valorizzate  sono state ricattate e per mantenere il posto di lavoro avrebbero dovuto  passare una selezione per essere assunte da una cooperativa, con salario dimezzato e contratto precario. 

Tutto questo perché la Fondazione ha accumulato debiti in questi anni e nel tentativo di appianarli  ha trovato la soluzione dei licenziamenti e l’affidamento a minor costo dei servizi alla cooperativa.

I debiti contratti sono  derivanti dalle spese sostenute per opere del tutto inutili e mai entrate in funzione; tra l’altro  la Regione Veneto sostiene le attività della Fondazione con un contributo pari a  360 mila euro al mese.

Le lavoratrici licenziate sono  da 83 giorni  in presidio permanente; una lotta per il  posto di lavoro, per garantire la qualità dei servizi e per rivendicare che la Casa di Cura per Anziani torni ad essere  un Ente a gestione pubblica. 

 U.S.B. chiede che la Regione faccia luce sui bilanci della Fondazione, sull’utilizzo di denaro pubblico e revochi i provvedimenti che hanno trasformato l’IPAB in Fondazione.

 Oggi le lavoratrici del S. Tecla  hanno manifestato a Padova  davanti alla Mensa Pio X, una struttura  simbolo della Curia,  presentando le loro ragioni e i lori diritti agli studenti.

 

LA LOTTA NON SI ARRESTA

 

 MARTEDI’ 13 MAGGIO DALLE ORE 10,00 PRESIDIO A VENEZIA  DAVANTI ALLA SEDE REGIONALE  DEI SERVIZI SOCIALI.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni