OSPEDALI DI COMUNITA: PREVISTA LA COMPARTECIPAZIONE DELLA SPESA PER I PAZIENTI RICOVERATI

Venezia -

Nella  programmazione Regionale in ambito Sanitario è previsto lo spostamento dei posti letto dall’ospedale al territorio. Questo e' quanto si evidenzia  da una  prima lettura della Delibera Regionale n.  2718 del 24/12/2012, dal cui contenuto  si presuppone che le strutture intermedie, quali ospedali di comunità, hospice e unità riabilitativa territoriale,   dovrebbero sopperire al taglio dei posti letto, cos' come indicato  nelle schede ospedaliere. Per la fruizione di questi servizi pubblici è prevista la compartecipazione alla spesa. Viene di fatto introdotto il ticket per ricovero non ospedaliero. A tali strutture accederanno, per un breve periodo di tempo,  i pazienti stabilizzati da un punto di vista medico, che non richiedeno assistenza ospedaliera,  ma che risultano non idonei al solo trattamento  ambulatoriale e non trattabili in  ambito famigliare.

La programmazione Regionale sanitaria  non si e' limitata  alla riduzione dei posti letto negli ospedali (si parla di tagli per circa 1700 posti letto su tutto il territorio regionale) ma  chiede  alle Aziende Sanitarie la programmazione a  parità di risorse.

Il rischio e' che questa politica sanitaria voluta dalla Giunta Zaia  potrebbe far ricadare sui cittadini i costi dell'assistenza socio sanitaria attraverso il pagamento "della quota alberghiera" cosi' ripartiti: dal trentesimo giorno di ricovero 25  euro al di' (piu' 10 euro nel caso sia garantito presidio medico H 24);  dal sessantemino giorno di ricovero  45 euro al di' (  piu' 10 euro nel caso sia garantito presidio medico H 24)

Inoltre  trattandosi di degenti in regime di non ricovero ospedaliero, saranno a carico dei cittadini anche i  ticket  per  le prestazioni ambulatoriali e di diagnosi che risulteranno necessarie.

Questa situazione rende di non facile comprensione la differenza tra  prestazione presso la  casa di riposo e l'ospedale di comunità e comunque riportanto  ricadute sui degenti/famigliari che dovranno contribuire economicamente. Nel caso di impossibilita' a far fronte al pagamento delle rette, dovrebbero intervenire con il sostegno economico i Comuni; Enti  questi che gia' versano in difficolta' di bilancio per mancanza di trasferimenti fondi. Una programmazione regionale in materia sanitaria che i pesera' tutta sulle spalle dei  cittadini, sia che paghino direttamente o attraverso i Comuni.

U.S.B. ritiene che la scelta fatta dalla Giunta Zaia non vada nella direzione della tutela della salute e del servizio pubblico sanitario; una  riforma che  non garantirà equita' di accesso alle cure e qualita' dei servizi sanitari erogati. Infatti ancora una volta si mettera' mano, per fare bilancio, alla riorganizzazione interna sia del personale amministrativo che medico/infermieristico, azioni che determineranno  carichi di lavoro maggiori per i singoli lavoratori e  contratti di lavoro  a ribasso salariale.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni