Lavoratore, precario, disoccupato: non restare da solo! unisciti a noi!

Il primo incontro si svolgerà a Thiene, al OK BAR via Lampertico, il 15 aprile, alle 20h30

Schio -

L’UNICA DIFESA EFFICACE PER LA CLASSE OPERAIA
E’ QUELLA DI LOTTARE CONTRO LO SFRUTTAMENTO CAPITALISTICO!

Il giorno 15 marzo 2013, a Thiene, una riunione di lavoratori iscritti e non al sindacato USB, ha sviluppato delle lucide considerazioni sulla condizione operaia e sulla situazione economicosociale

del paese. La crisi economica del sistema capitalistico continua inesorabilmente: licenziamenti,

fallimenti, contratti di “solidarietà”, ecc..., colpendo ogni giorno la classe operaia. La crisi non è dovuta all’incapacità di “programmare”, oppure ad “errori” di gestione dell’azienda, o alla disonestà di questo o quel manager, o politico. Ma invece è strutturale al sistema capitalistico, come è dimostrato dalle crisi contemporanee in tutti i paesiindustrializzati del globo perchè il capitale non conosce nessuna umanità e nessuna legge se non quella che gli permette il continuo aumento del proprio profitto. Così cresce l’esercito dei disoccupati e il ricatto suglioccupati si fa sempre più forte.

Industriali e sindacati di regime, con l’appoggio dei governi firmano accordi e contratti sempre più al ribasso, e lacompetizione fra i lavoratori crescesempre di più. Di fronte a questa terribile crisi economica, i lavoratori possono difendersi solo se agiranno sempre più uniti, superando le divisioni fra azienda, categoria enazionalità; è questo ciò che teme il padronato, teme la possibilità che lalotta contagi gli altri lavoratori. Per tornare a lottare veramente contro il sistema di sfruttamento, i lavoratori devono unirsi e organizzarsi, questo è il primo passo per il ricompattamentodi un’azione efficace di difesa.

Mentre l’economia capitalistica sopprime interi rami d’industria, non deve essere l’operaio a continuare a sostenere il proprio sfruttamento. I lavoratori, i precari e disoccupati, devono rivendicare con la lotta il diritto divivere contro i loro sfruttatori. Il sindacalismo di regime (cgil, cisl, uil) fa di ogni crisi e vertenza aziendale un caso a sé stante, da affrontare in modo separato da quello che accade nellealtre aziende, così da dividere la classe operaia e condurla in ordine sparso alla… sconfitta! In questo senso il movimento dei lavoratori deve inserire fra i propri obiettivi di lotta quelli generali e intercategoriali quali: un aumento generalizzato dei salari, una drastica riduzione dell'orario di lavoro, la difesa della salute in fabbrica e fuori, salario pieno ai lavoratori licenziati e ai disoccupati.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni