BOCCIATO IL DECRETO SUL TAGLIO DELLE PROVINCE, VIOLA L'ART.133 DELLA COSTITUZIONE

E' di stamattina  la notizia che la Corte Costituzionale ha bocciato il decreto sul taglio delle Province. La sentenza spiega che non si poteva procedere con la "corsia veloce"  del decreto legge.


Infatti il decreto legge è un atto  da utilizzare per far fronte a  casi straordinari e quindi strada non  praticabile per una riforma  organica e di sistema. Inoltre  il decreto sul taglio delle Province, a detta della Corte Costituzionale, viola l'art 133 della Costituzione, quello che fissa le procedure  per modificare i confini delle Province.
 

I lavoratori delle Province possono dormire sonni tranquilli?



No certamente:  il Ministro  per le Riforme Costituzionali  Quagliariello ribadisce già oggi  la necessità di intervenire  sull'intero Titolo V della Costituzione per semplificare e razionalizzare l'assetto degli Enti Territoriali.


Quindi si punta ad una legge costituzionale, che nella sua prima fase prevederebbe ancora l'elezione diretta del Presidente, eliminando comunque le Giunte e i Consigli ,  creando "comitati di sindaci" alla guida  del territorio.



Ancora una volta non si parla del personale del Province, non si dice cosa ne sarà delle professionalità delle migliaia di lavoratori..


Dobbiamo tenere alta l’attenzione,  anche prevedendo iniziative volte a far conoscere all’opinione pubblica il lavoro che svolgiamo, i servizi che eroghiamo, pena la svendita delle attività e delle competenze a politici mascherati da dipendenti pubblici.  



Riteniamo sia  necessaria una rivisitazione delle materie  di competenza statale o regionale, ribadendo  che spettano allo Stato le decisioni su grandi reti di trasporto e di navigazione, commercio con l’estero, produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia, senza che ciò significhi e si esprima come principio  di supremazia dello Stato su tutte le materie.


 
Deve essere mantenuta la centralità del Parlamento ed in generale delle assemblee elettive per evitare che  la compressione degli spazi politici,   a   vantaggio del Governo, assicurino la  governabilità, come sta accadendo in questi mesi nel nostro Paese, anche disattendendo le volontà dei cittadini  espresse con il voto.


Non si può risponde all’indignazione  per la perdita dei posti di lavoro, per i rincari e tagli ai  servizi pubblici (sanità, trasporti, scuole), per la mancanza di posti di lavoro  con la controriforma del sistema Regionale e con il ritorno al centralismo.


Sono necessari interventi di razionalizzazione  della spesa pubblica sia in merito al  funzionamento degli organi istituzionali che  alle spese militari.
Ribadiamo la necessità, in un momento storico in cui si registra la evidente difficoltà della politica a svolgere il suo ruolo di interpretare e tradurre in azioni amministrative e di governo i bisogni della gente, che occorre ripartire dai territori e dalle amministrazioni locali, quali sedi  naturali di esercizio della democrazia partecipata.

 

Pubblico impiego del Veneto

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni