REPORT DA GAZA: ANCORA BOMBARDAMENTI!

Padova -

Anche questa notte I bombardamenti su tutta la striscia di Gaza si sono fatti sentire, il numero dei morti e' arrivato a 2105 e dei feriti a 10.469; numeri questi che sono purtroppo in continuo aggiornamento perche' gli attacchi israeliani su gaza si sono intensificati nelle ultime ore.

Oggi pomeriggio su buona parte della striscia di Gaza, anche nella  zona ovest di Gaza City ( area compresa tra il porto, Rimal Street, Shifa hospital),  sono stati lanciati da aerei israeliani  volantini. Di seguito il testo:

Iraelian Difence Force (IDF) lascia annuccio di allarme su Gaza

"Per gli abitanti della Striscia,

L'IDF nell'intento di  contrastare qualsiasi azione terroristica colpirà le infrastrutture terroristiche e operativi di Hamas e di altre organizzazioni.

Continueremo a ricercare la leadership di Hamas che si  nasconde sottoterra e ignora i bisogni dei civili di Gaza e il loro desiderio di tranquillità.

L'IDF agirà con piena forza contro qualsiasi installazione militare o civile che  l'attività terroristica utilizzera' per azioni dirette contro lo Stato di Israele.

Ogni casa dalle quali  si originino le azioni militari verra' attaccata.

Per la vostra sicurezza, evitate che terroristi utilizzino la vostra proprieta' per azioni armate e state lontano da qualsiasi luogo utilizzato dai terroristi.

 

 L'IDF chiede di  evacuare immediatamente qualsiasi zona da cui parte l'attacco  contro Israele.

Residenti di Gaza , la campagna  è in corso. Siete avvisati.

IDF Command.

Israele vuole far sentire i civili di Gaza  indifesi senza un riparo sicuro.

Stamattina verso le 13,00 e' arrivata da Khan Younis l'ultima parte dei farmaci acquistati con le donazioni: 2.000 flaconi di ultrasound gel,  al costo di 5 nis cadauno per un totale di 10.000 nis, pari a 2.200 euro.   La compagnia farmaceutica Ghanem Sons di Khan Younis aveva mandato  i materiali al Nasser Hospital di Khan Younis   perche' gli spostamenti sono a rischio e la compagnia ha preferito appoggiarsi alla struttuta pubblica che  con un mezzo del ministero della salute  ha trasportato il materiale a Gaza City  al magazzino generale dei farmaci. (foto).

Se nei giorni scorsi le strade di Gaza City vedevano circolare poche macchina oggi sono deserte. (foto) Qualsiasi spostamento e' da evitare e se necessario da farsi solo con mezzi di emergenza quali ambulanze, mezzi del Ministero della Salute,  delle Nazioni Unite e delle ONG

A Gaza sono tutti consapevoli che israele non si ferma davanti  ad un automezzo tutelato dalla Convenzione di Ginevra, cosi' come  non lo fa con le scuole dell'Unrwa e con gli ospedali.

Intanto la popolazione civile sopravvive: le scuole dell'Unrwa e quelle governative ospitano oramai circa 500.000 sfollati. Onu e ong distribuiscono due  pasti al giorno non solo alle famiglie che hanno trovato rifugio  nelle scuole, ma anche a quelle che non hanno piu' una casa e hanno una sistemazione presso parenti e amici. Resta problematica la situazione per le famiglie che sono rimaste nelle loro case, ma che continuano a non avere  elettricità, solo 2 ore al giorno, e senza  acqua corrente. (foto)

Oltre  alle  ferite fisiche causate dai bombardamenti I bambini e le bambine di Gaza sono drammaticamente traumatizzati:  angoscia, paura, crisi di panico, insonnia e incubi, sentimento di morte, perdita degli  affetti,  mancanza di concentrazione con conseguenti  rischi per   lo sviluppo delle  capacità intellettuali ed emotive. Queste condizioni riguardano centinaia di migliaia di bambini  a Gaza. Anche per questo crimine israele deve rispondere sulla base dei contenuti della  carta internazionale della tutela dei diritti dei bambini.

In questo momento non vedere la  brutalità dell’aggressione israeliana contro la popolazione civile di Gaza, non mettere in campo iniziative forti di sensibilizzazione, di diffusione delle molteplici violazioni  significa dare appoggio alle criminali azioni israeliane.

Chiudo questo report che sono  le 18,30 ora locale  a Gaza. Droni anche sopra la nostra casa:  dicono che dove siamo  e'  un posto sicuro, segnalato a IDF per  la presenza di internazionali, come  gli hotel dove soggiornano I giornalisti. Abbiamo preparato il bagaglio nel caso ci si dovesse  muovere…….

Anche questo e' vivere a Gaza.

 

Da Gaza 23.8.2014

g.b. per Gazzella onlus

per USB Padova
Giuditta Brattini